logo orizzontale
chiudi il menu logo orizzontale
chiudi il menu
Sostenibilità
icona sostenibilita
IT

Michele Cazzani

L’attività nasce nel 2006 da una consolidata collaborazione fra Paolo Armato, Damiano Deiraghi e Michele Cazzani. Lo studio si propone come un laboratorio all’interno del quale si sviluppano idee e sinergie sul tema dell’abitare contemporaneo. Michele Cazzani in particolare si dedica alla progettazione di abitazioni, uffici, negozi. Le nuove costruzioni come il recupero di vecchi edifici rappresentano un momento di approccio integrato al progetto che parte dallo studio del contesto e che poi, via via, assume il contorno di un impegno che conduce all’opera finita. La progettualità sostenuta da Michele Cazzani e dallo studio Archizero è stratificata ed è attraverso questa che il rapporto fra committente, contesto e architettura si consolida.

Il progetto è dunque un momento creativo, una sintesi armonica fra architettura, grafica e design industriale che non si basa su una formula predefinita, ma sul confronto e sul dialogo con l’obiettivo di raggiungere una visione condivisa e desiderata.

Le opere

Michele Cazzani conosce il marmo attraverso le cave: resta affascinato dal dialogo fra i pieni e i vuoti di materia che caratterizzano la cava nella sua architettura unica e pura. In seguito, come art director di Franchi Umberto Marmi, accoglie e sviluppa l’input del ‘think in a big scale’, di lavorare col marmo come materiale autentico e vivo. Il lavoro di Michele Cazzani sul marmo di Franchi è fondato su un grande rispetto verso la materia: non è infatti l’architetto che impone una forma alla materia. Vince sempre la materia di fronte alla quale il designer deve necessariamente fare un passo indietro e con umiltà lasciare in primo piano che sia la forza della materia a parlare. Le opere di Michele Cazzani per Franchi sono il risultato di una ricerca che parte dalle cave e giunge, attraverso gli elementi, poi nello spazio abitato, dopo che architettura e design hanno posto l’accento sulla intrinseca forza dei materiali, primo fra tutti il marmo, anche attraverso un dialogo fatto di contrasti con altri materiali.